Viaggi

Catania, una meraviglia siciliana: 10 cose da vedere in pochi giorni in città

Bella e fragile, la città è stata ricostruita ben 9 volte. Oggi splende come sempre all'ombra dell'Etna, croce e delizia dei catanesi.

A metà tra il vulcano Etna e il mare, sorge la meravigliosa città di Catania, una città imperdibile per le tue vacanze in sicilia. Più volte distrutta dalle eruzioni vulcaniche e terremoti, il suo centro abitato è stato ricostruito nel corso dei secoli per ben 9 volte. L’ultima ricostruzione risale al 1693, in epoca barocca. Catania dispone di moltissime attrazioni: dalle meraviglie architettoniche ai colori dei mercati, dalla maestosità dell’Etna al mare limpido della costa orientale. Ecco un elenco di 10 luoghi da visitare se si hanno pochi giorni per visitare la città.

  1. Piazza del Duomo

Piazza centrale della città. Al suo centro è situato, sormontato da un obelisco, l’elefante di pietra lavica “u liotru”, simbolo di Catania.

A fare da cornice alla piazza il Palazzo degli Elefanti (Municipio), il Palazzo dei Chierici, la Cattedrale di Sant’Agata, la Porta Uzeda e la fontana dell’Amenano che prende il nome dal fiume che la attraversa.

  1. Via Etnea

É la strada principale del centro storico. Luogo di passeggio, in cui catanesi e turisti possono immergesi nel barocco, si estende per circa 3 km da piazza del Duomo al Tondo Gioieni. Lungo la via passando per piazza Università si incontrano i Palazzi del Rettorato e di San Giuliano: proseguendo si incontra l’ingresso principale della villa Bellini, un giardino posto su due livelli. Il percorso prosegue lungo piazza Cavour, detta dai catanesi piazza Borgo, dove si trova la fontana di Cerere (dea Pallade), e si conclude al Tondo Gioieni.

  1. Cattedrale di Sant’Agata

La Cattedrale di Sant’Agata è il principale luogo di culto cittadino ed è dedicata alla vergine e martire Sant’Agata, patrona della città che viene celebrata con una suggestiva processione della durata di 3 giorni nel mese di febbraio. La chiesa è stata più volte distrutta e riedificata dopo i terremoti e le eruzioni dell’Etna. La prima edificazione risale al periodo 1086-1094, quando fu realizzata sulle rovine delle Terme Achilliane risalenti all’epoca romana. L’aspetto attuale, invece, risale al periodo compreso tra il 1734 e il 1761.

  1. Castello Ursino

Costruito nel XIII secolo per ordine di Federico II di Svevia, è uno dei monumenti più importanti della città. Durante il periodo dei Vespri siciliani fu sede del Parlamento e poi divenne la sede dei sovrani aragonesi. Oggi è la sede del Museo Civico di Catania dove sono poste le raccolte Biscari e dei Benedettini.

5. Monastero dei Benedettini

Il Monastero dei Benedettini, edificato a metà del XVI secolo, è considerato il secondo monastero benedettino più grande d’Europa. Situato nel centro storico di Catania, a piazza Dante, è sede del Dipartimento di Scienze umanistiche. Il Monastero in passato, oltre che luogo dei monaci benedettini, è stato anche la sede di una caserma e di una scuola. Dal 2002 è inserito nell’elenco del patrimonio dell’Unesco come “gioiello del tardo-barocco siciliano”.

  1. Via dei Crociferi

Esempio di architettura barocca, ha inizio in piazza San Francesco d’Assisi. Per accedervi occorre passare sotto l’arco di San Benedetto. Lungo la via sono presenti quattro chiese: la chiesa di San Benedetto (collegata al convento delle suore benedettine), la chiesa di San Francesco Borgia, il collegio dei Gesuiti e la chiesa di San Giuliano. La via finisce a villa Cerami, sede della facoltà di Giurisprudenza.

  1. San Giovanni Li Cuti

Piccolo borgo marinaro situato sotto il lungomare di Ognina, è caratterizzato dalla sabbia vulcanica e scogli di pietra lavica, nonché del mare limpido e profondo.

Resa unica dalla presenza dei bagnanti anche in inverno, è la spiaggia dell’ “estate tutto l’anno”.

  1. Etna

L’Etna è il vulcano attivo più alto d’Europa. Per i suoi spettacoli eruttivi è la meta più ambita dai turisti che possono fare escursioni, discese in sci, passeggiate a piedi e – grazie alla guide specializzate e ai mezzi fuoristrada – salire fino a 3000 metri di altezza.

  1. Mercati popolari di Catania

I mercati storici di Catania sono la cosiddetta “Fera o’ Luni” (fiera del lunedì) situata in piazza Carlo Alberto e la Pescheria in piazza Alonzo di Benedetto.

La pescheria è un mercato di pesce. Caotico e colorato, è una delle attrazioni turistiche più caratteristiche di Catania.

La fiera di piazza Carlo Alberto è un mercato quotidiano di vestisti, frutta, giocattoli etc., ed è definita Fera o’ Luni perché in origine si svolgeva solo in quel giorno della settimana.

  1. Teatro Massimo Bellini

Teatro di rappresentazione dell’opera di Catania, è dedicato al compositore Vincenzo Bellini. Al suo interno è possibile visitare la sala a quattro ordini di palchi e il loggione di grande ricchezza decorativa. È possibile anche ammirare il soffitto affrescato con le immagini delle opere più famose di Bellini: La Norma, La Sonnambula, I Puritani e Il Pirata; il sipario ritrae la “Vittoria dei catanesi sui libici” e la statua in bronzo di Vincenzo Bellini, opera di Salvo Giordano. Oggi, il Bellini dispone di un’orchestra di 105 elementi e un coro di 84 elementi.

Tags
Guarda

Antonella Raciti

Nata a Catania dove vive a tutt'oggi. Dopo la laurea in Scienze della comunicazione, si è specializzata come social media manager. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche sul web. Le piacciono i libri, la fotografia, il cinema e le serie tv.

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker