DirittiLavoro

Idonei Assistenti Giudiziari, è ora che il Governo li assuma

Si tratta di una battaglia che abbiamo seguito dal primo momento, i tribunali hanno bisogno di nuove professionalità.

Quella degli assistenti giudiziari è una battaglia che abbiamo condiviso sin dal primo momento. La ragione è semplice: al di là della nostra attenzione verso il tema del lavoro e dei diritti, le grandi manovre in favore dell’occupazione giovanile e le grandi strategie legate alla necessità di velocizzare le attività dei tribunali e della giustizia in toto, avrebbero probabilmente bisogno – innanzitutto – di partire dalla base, dalla normalità. Attualmente la normalità è assumere 1831 persone che hanno vinto un concorso e che farebbero un gran bene ai tribunali italiani. Si tratta di una questione oggettiva che nessuno può contestare. Così come è oggettivo che 1831 posti di lavoro (parliamo di vincitori di concorso, quindi persone pienamente legittimate) facciano la differenza nei rispettivi nuclei familiari. È ora di assumere queste giovani professionalità che hanno preparazione e legittimazione ad entrare nei tribunali italiani.

Ecco il comunicato degli idonei:

“Il 30 aprile il Ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Buongiorno, ha annunciato di aver firmato il decreto che dispone l’assunzione di 903 assistenti giudiziari e la procedura concorsuale per 1.850 funzionari giudiziari. Assunzioni che si rendono necessarie per fare fronte alle numerose carenze di personale che si aggraveranno ulteriormente con la recente entrata in vigore della Quota 100. Una situazione nota anche allo stesso Guardasigilli Alfonso Bonafede, che a breve firmerà il decreto già sottoscritto dalla Bongiorno. Attualmente gli idonei assistenti giudiziari rimasti in graduatoria sono 1.831 e il numero, dopo l’assunzione delle 903 unità, al netto di rinunce e dimissioni, sarà più che dimezzato. Va sottolineato che il decretone, ormai legge dello Stato, dispone l’assunzione di 1.300 persone, di cui 1.000 per l’area II. Il provvedimento è stato inserito con un emendamento presentato in sede di conversione del decreto fallo stesso governo tenuto conto dei pensionamenti che vi saranno con la Quota 100. E poi fa novembre ci sarà anche lo sblocco del turno over disposto dall’articolo 1 comma 399 che prevede il blocco del turnover fino al 15 novembre 2019. In sostanza attivano le prime misure concrete per migliorare l’efficienza della giustizia. E per il Comitato Idonei Assistenti Giudiziari c’è la reale possibilità che la graduatoria venga esaurita in tempi ragionevoli.”

Tags
Guarda

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker