Viaggi

Il Lago di Braies è di una bellezza soprannaturale. Vi sveliamo i suoi segreti

Il perché della sua bellezza, l'inizio della popolarità, le attrazioni, come raggiungerlo e quando visitarlo. La guida completa alla scoperta di uno dei laghi più belli al mondo.

Le zone alpine italiane sono piene di laghi straordinari che vale la pena visitare. Tra questi, uno in particolare ha raggiunto la fama internazionale nel corso degli ultimi anni: si tratta del Lago di Braies, in Trentino Alto Adige. La bellezza di questo lago alpino più definirsi a buon diritto soprannaturale: sui circa 31 ettari di acque cristalline si riflettono le meravigliose pareti rocciose della Croda del Becco, nel bel mezzo del parco dolomitico di Fanes – Sennes – Braies.

Copyright Herald Italia

Una bellezza mozzafiato. Quando si giunge nella stradina che conduce al Lago di Braies, si ha subito l’impressione di dirigersi verso qualcosa di unico al mondo. Il silenzio dei boschi dolomitici e la natura incontaminata conducono ad una fotografia che lascia col fiato sospeso. Le rocce biance in dolomia della Croda del Becco, costituite dal minerale dolomite e ricche di calcio e magnesio, si riflettono sull’acqua cristallina del lago, completamente circondato dal verde dei pini delle alpi sud-tirolesi. E’ proprio da queste caratteristiche naturali, vero segreto il cui insieme è irrintracciabile in ogni altro angolo del mondo, che nasce la bellezza incontaminata di un lago che ogni anno accoglie i visitatori provenienti da tutto il pianeta.

Copyright Herald Italia

La popolarità. Fino ai primi anni duemila, il Lago di Braies nonostante la sua bellezza era ancora sconosciuto dai flussi turistici internazionali, complice anche la posizione remota (il lago dista circa un’ora e mezza da Bolzano, mezz’ora dall’uscita dell’autostrada del Brennero A22) e l’assenza di grande pubblicità a livello internazionale. La popolarità è arrivata con  la serie televisiva “Un passo dal cielo”, trasmessa da Rai 1 a partire dal 2011, con protagonista Terence Hill, nei panni di un comandante del Corpo forestale della provincia autonoma di Bolzano a San Candido, piccolo comune nei pressi del lago che fa parte del parco naturale Tre Cime in Alta Val Pusteria. La diffusione nella cultura di massa della bellezza del lago di Braies è avvenuta anche grazie ad Instagram, il social incentrato sulle foto che ne ha diffuso le immagini in tutto il mondo.

Copyright Herald Italia

Quando visitarlo. Il lago di Braies è visitabile in ogni periodo dell’anno. La scelta del periodo è subordinata anche ai colori che si preferisce vedere: durante l’inverno infatti il lago è completamente imbiancato, mentre durante l’estate è possibile godere a pieno di tutte le bellezze dell’area. Bellissimo è anche il periodo autunnale, quando i colori delle foglie degli alberi che circondano il lago danno vita ad uno scenario suggestivo.

copyright Herald Italia

Attrazioni e come raggiungerlo. Il mezzo più idoneo è l’autovettura: percorrendo l’autostrada del Brennero A22, occorre prendere l’uscita Bressanone-Val Pusteria-Brixen e percorrere la Statale 49 della Pusteria per circa 40km, prima dello svincolo per il Lago di Braies. L’area antistante il lago è molto organizzata, con un grande parcheggio e un albergo ristorante. Oltre al percorso di trekking lungo il lago, è possibile anche fare un giro panoramico in barca. La soluzione migliore è probabilmente quella di prendere un albergo nelle vicinanze (ce ne sono moltissimi), per visitare anche le numerose altre bellezze delle Dolomiti.

Copyright Herald Italia

Tags
Guarda

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Supporta questo giornale disattiva Adblock