Salute

Il nostro stato d’animo influenza tutto ciò che facciamo: a dirlo è la psicologia

La "storia dei due cani" di Buddha è l'esempio di come una stessa situazione può essere vista in chiave negativa o positiva.

Stato d’animo e come influenza ciò che facciamo. Esiste una realtà oggettiva? Possiamo davvero dire che ciò che facciamo e ci circonda non è influenzato dal nostro stato interiore? Senza entrare in un dibattito che ha appassionato scienziati e studiosi nei secoli, vi sottopongo un brevissimo racconto:

La storia dei due cani di Buddha

Si racconta la storia di due cani,
che, in momenti diversi, entrarono nella stessa stanza.
Uno ne usci scodinzolando; un altro ne usci ringhiando.
Una donna li vide e, incuriosita, entrò nella stanza
per scoprire cosa rendesse uno felice e un altro cosi infuriato.
Con grande sorpresa scoprì
che la stanza era piena di specchi.
ll cane felice aveva trovato cento cani felici
che lo guardavano,
mentre il cane arrabbiato
aveva visto solo cani arrabbiati che gli abbaiavano contro.

Quello che vediamo nel mondo intorno a noi
è un riflesso di ciò che siamo.
Tutto ciò che siamo è un riflesso di quello che pensiamo.
La mente è tutto.
Quello che pensiamo diventiamo.”
E’ questa la “storia dei due cani” di Buddha

Stato d’animo, riflessioni

Quindi dipende tutto da noi? Vi propongo alcune semplici riflessioni.

1. Vi è mai capitato di avere la sensazione che quando siete positivi ed avete fiducia nella vita
stranamente le cose vanno nel verso giusto? Che quando invece ci sentiamo pessimisti e negativi
tutto va nel verso sbagliato? Se così fosse sarebbe il caso di fare qualcosa per alimentare uno stato
d’animo ottimista e positivo, un po’ come il considerare lo stesso bicchiere mezzo pieno o mezzo
vuoto.

2. Vi è mai capitato di rendervi conto che eventi che avevate vissuto con angoscia, con il passare del
tempo si sono rivelati come dei colpi di fortuna? Spesso solo il tempo può darci il senso di quello
che ci capita. Ed abbiamo forse una fretta eccessiva nel giudicare se qualcosa è buona o meno per
noi.

3. Quanto è difficile avere fiducia che tutto vada per il verso giusto? Quanto è difficile rinunciare a
stabilire un controllo sulle cose invece di farle scorrere con fiducia? Eppure probabilmente se noi
abbiamo fiducia nella vita, la vita ci risponderà con la stessa gentilezza. Migliorerà il nostro stato d’animo e anche quello altrui di chi ci circonda.

4. Vi siete mai accorti che nei momenti in cui vi piacete di più piacete di più anche agli altri? Una cosa stranissima, se è vero che alla fine siamo sempre le stesse persone. Potreste scoprire che il modo in cui vi percepite genera un effetto concreto sulla realtà, al di là dei cosiddetti fatti.

5. Ogni volta che facciamo un passo verso l’amore per noi stessi, quando invece di giudicarci
sviluppiamo una comprensione ed una gentilezza per noi stessi, scopriamo la possibilità di
relazionarci in un modo diverso con gli altri, con gli eventi e con le cose.

Mai farsi abbattere dagli eventi: essere ottimisti e fiduciosi in noi stessi per stare bene

Sulla scorta di queste riflessioni possiamo accorgerci, infine, che abbiamo due possibilità: quella di
immaginare che esista un mondo completamente oggettivo, oppure di considerare qualsiasi cosa come il manifestarsi di un nostro punto di vista. La verità, come spesso accade, sta nel mezzo: da una parte esiste l’esame di realtà e dall’altra la considerazione che il modo in cui vediamo la realtà può in qualche modo modificare la realtà delle cose. Mai farsi abbattere dagli eventi: essere ottimisti e fiduciosi in noi stessi è il primo passo per stare bene. Così aiutiamo il nostro stato d’animo.

A 81 anni si iscrive all’Università: lo faccio anche per mamma che ci teneva.

Il Flow, come trovare la felicità nella propria vita secondo gli psicologi

Tags
Guarda

Vincenzo Andreoli

Medico chirurgo, psicoterapeuta. Master in coaching. Terapeuta EMDR. Docente di psicoterapia, counseling e comunicazione. Pratica ed insegna la meditazione. Promotore in Italia della Teoria Integrale di Ken Wilber e curatore del sito www.psicologiaintegrale.it

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker