Sport

Ippica, gli Emirati Arabi fanno shopping in Italia

Tre le fattrici nostrane acquistate da Khalid Khalifa Al Nabooda, numero 1 nel mondo nel settore dei purosangue arabi

Khalid Khalifa Al Nabooda ha acquistato in Italia tre fattrici dalla Razza de Piné: Razza di Gallura (già madre dell’attuale 4 anni Eghel de Piné, terzo nell’UAE Arabian Derby 2019 ad Abu Dhabi, e del 3 anni Avez de Piné, imbattuto in Italia e ora in allenamento negli Emirati), Fleur de Cardonne e Stria de Piné.

Le fattrici sono state comprate dal magnate emiratino dopo una difficile trattativa svoltasi con Mattia Cadrobbi, responsabile della Razza de Piné.

L’imprenditore di Dubai, figura concreta e solida con un importante gruppo finanziario alle spalle (il Khalifa Juma Al Nabooda Group), famoso per essere il più grande ed importante allevatore di purosangue arabi in tutto il mondo, conta ad oggi oltre 400 cavalli in allenamento.

Lo sceicco Khalid Khalifa Al Naboodaiì

Con il suo team fa scelte forti e mirate per mantenere forte la leadership negli Emirati Arabi dove è stato più volte miglior proprietario davanti agli sceicchi.

Definito “like the sun” dalla stampa emiratina di settore, gli si riconosce di aver legato per due volte il suo nome al Kahayla Classic, il gruppo 1 per PSA che si corre nella notte della Dubai World Cup. Nel 2016 lo ha vinto da allevatore con Af Mathmoon, che ha battuto i fortissimi cavalli del Qatar e nel 2019 da proprietario e allevatore con Af Maher, fermando l’armata saudita degli “Al Khalediah”.

Aver catturato l’interesse di quello che indiscutibilmente è il personaggio di riferimento mondiale per i PSA testimonia l’esponenziale crescita del “made in Italy”.

Tags
Guarda

Daniela Cursi

Nata a Roma dove vive tutt’oggi. Laureata in Giurisprudenza, giornalista pubblicista, scrittrice, sceneggiatrice, regista e press officer, con esperienza in diversi rami della comunicazione. Ha scritto e diretto “Come trovare nel modo giusto l’uomo sbagliato”, distribuito da da 20Th Century Fox nel 2011. Autrice del libro “Imperfetta” (Baldini & Castoldi Editore). Appassionata di equitazione. Il suo motto: “Essere perfetti è tanto noioso quanto impossibile”.

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker