Politica

M5S, ora il voto su Rousseau può far saltare l’accordo di governo col PD

"Non è un vezzo, ma uno strumento che la nostra comunità politica si è dato per far arrivare nelle istituzioni la voce dei cittadini."

Il voto della Rousseau conterà. Il discorso di Luigi Di Maio, con l’ultimatum al PD affinché accetti tutto o “niente governo”, si è rivelato solo l’inizio del rilancio da parte del Movimento Cinque Stelle: “Il voto degli iscritti del Movimento 5 Stelle sulla piattaforma Rousseau conta”. A precisarlo è lo stesso Movimento sul proprio sito: “Non è un vezzo, ma uno strumento che la nostra comunità politica si è dato per far arrivare nelle istituzioni la voce dei cittadini. Ricordiamo a chi critica questo strumento che ogni eletto del Movimento, dai Comuni all’Europarlamento passando per Regioni e Camere, è un portavoce di queste istanze. Rousseau conta perché è parte integrante dei nostri processi decisionali”.

Il M5S va avanti con gli ultimatum, senza considerare che anche laddove il PD accettasse punto su punto tutti i diktat esposti da Di Maio, la Rousseau potrebbe comunque far saltare l’accordo: “È stato così per l’elezione del presidente della Repubblica, è stato così per la nascita dell’esecutivo uscente e sarà così quando, tra qualche giorno, si tratterà di votare in relazione al prossimo eventuale governo”.

Tags
Guarda

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Supporta questo giornale disattiva Adblock