Sport

Sinisa Mihajlovic ha la leucemia: “La batterò per mia moglie, per la mia famiglia e per chi mi vuole bene”

Le lacrime nella conferenza stampa dove annuncia la malattia. Tanti i messaggi di vicinanza, anche dall'Inter e dall'ex tecnico Carlo Mazzone.

Aveva abbandonato il ritiro della sua squadra, il Bologna, per sottoporsi a degli accertamenti urgenti dopo che alcuni sintomi molto preoccupanti avevano allarmato Sinisa Mihajlovic e lo staff medico rossoblu. Oggi è arrivato il drammatico annuncio in conferenza stampa: l’ex difensore jugoslavo, che ha condotto il Bologna alla salvezza lo scorso anno, ha la leucemia: “Io non gioco mai per non perdere, sennò perdo: così nel calcio, così nella vita. Batterò la leucemia, e lo farò per mia moglie, per la mia famiglia, per chi mi vuole bene.”

Le lacrime di un guerriero. Sinisa Mihajlovic non è un uomo che esterna facilmente le proprie emozioni. Il 24 marzo 1999, quando iniziarono i bombardamenti sulla Federazione Jugoslava, era in ritiro con la nazionale slava: quegli eventi lo avrebbero segnato negli anni seguenti. Ma Sinisa, come chiunque abbia seguito la serie A negli ultimi trent’anni, è un vero guerriero e non si arrenderà di certo al primo ostacolo: “E’ una forma attaccabile, si può guarire – ha detto in conferenza stampa – e io la batterò. Ma ho bisogno dell’aiuto di tutti quelli che mi vogliono bene.”

Sinisa, un uomo stimato da tutti. In Italia ha giocato con Roma, Sampdoria, Lazio e Inter, che ha anche allenato insieme a Bologna, Catania, Fiorentina, Sampdoria, Milan, Torino e di nuovo Bologna, solo per restare dentro i confini della serie A. Un uomo legato alle squadre di tutta Italia quindi, da nord a sud, per il quale immediatamente ha speso parole importanti il suo ex allenatore Carlo Mazzone: “Una persona speciale, ho avuto il piacere di allenarti. Forza Sinisa, ti siamo vicini.” Tra i tanti messaggi di vicinanza, anche quello dell’Inter: “Forza Sinisa, l’Inter è al tuo fianco in questa battaglia”, ha scritto la società su twitter.

Tags
Guarda

Altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Adblock rilevato

Supporta questo giornale disattiva Adblock